aipjg
senza nome
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
solofenice

infoainpf@gmail.com

[05/10/2022 21:44] Elenco studi scientifici che correlano Fibromialgia e NPF[02/05/2024 22:22] Chiarimenti riguardo la NPF e gli autoanticorpi HDS e FGFR-3[15/03/2024 20:14] Neuropatia delle piccole fibre nella dipendenza da alcol rilevata mediante biopsia cutanea[13/03/2024 22:19] Presentazione dei sintomi della POTS in base al fenotipo[12/03/2024 23:48] Manifestazioni gastrointestinali nei pazienti pediatrici con diagnosi di NPF[10/03/2024 22:44] Nuove raccomandazioni sull'uso delle ImmunoglobulineG per i disturbi neuromuscolari

facebook
youtube
instagram

La Rosacea Neurogena potrebbe essere una Neuropatia delle Piccole Fibre - NPF

29/03/2023 22:36

AINPF

NPF, npf, rosacea, prurito, viso, spilli,

La Rosacea Neurogena potrebbe essere una Neuropatia delle Piccole Fibre - NPF

la rosacea neurogena potrebbe essere un particolare fenotipo di NPF che coinvolge la pelle del viso...

La rosacea neurogena potrebbe essere una neuropatia delle piccole fibre

 

La neuropatia delle piccole fibre (SFN in inglese, NPF in italiano) è una neuropatia periferica delle piccole fibre Aδ mielinizzate e delle fibre C non mielinizzate, che colpisce non solo il dolore e la sensazione di temperatura, ma anche la funzione del sistema autonomo. 

Esistono varie manifestazioni cliniche della NPF, le più comuni sono dolore, disestesia e disautonomia. 

 

Nella letteratura recente, il prurito si è verificato nel 68,3% dei pazienti con NPF. 

 

Inoltre, la NPF è associata a una serie di malattie sottostanti tra cui malattie metaboliche, tossiche, infiammatorie e autoimmuni, ma rimane idiopatica in circa il 40% dei casi. 

 

L'esatto meccanismo fisiopatologico della NPF è complesso. Nel caso dell'eziologia autoimmune, il danno alle fibre Aδ e C sottili può essere mediato dalle citochine tramite il fattore di necrosi tumorale (TNF)-α, l'interleuchina (IL)-2, IL-6 e IL-8.

 

Gli strumenti diagnostici per il rilevamento della NPF includono biopsia cutanea con densità delle fibre nervose intraepidermiche (IENFD), test sensoriali quantitativi (QST), test quantitativo del riflesso assonale sudomotorio, microscopia confocale corneale, elettromiografia e studi di conduzione nervosa che quantificano e valutano la funzione delle piccole fibre nervose . 

La diagnosi di NPF è determinata principalmente dall'anamnesi e dall'esame obiettivo; tuttavia, i test neurofisiologici funzionali e la valutazione della biopsia cutanea della densità delle fibre nervose intraepidermiche possono confermare ulteriormente la diagnosi.

 

Il dolore è una manifestazione della NPF comune e cruciale; pertanto, la terapia si basa sulla causa sottostante e sulla gestione del dolore. Sono comunemente utilizzate diverse classi di farmaci, inclusi antidepressivi, anticonvulsivanti, oppioidi e trattamenti topici. In studi precedenti, gli antidepressivi triciclici (TCA), gli inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRI) e gli anticonvulsivanti come il gabapentin e il pregabalin erano raccomandati di routine per il trattamento del dolore neuropatico.

 

La rosacea, una condizione infiammatoria cronica della pelle, si manifesta principalmente come vampate ricorrenti ed eritema nella zona centrale del viso. La rosacea può essere suddivisa in quattro sottotipi: 

 

  • eritemato-teleangectasica, 
  • papulo-pustolosa, 
  • fimatosa 
  • e oculare. 

 

La rosacea neurogena (NR), una nuova variante suggerita da Scharschmidt nel 2011, è caratterizzata da bruciore facciale, spilli e disestesia sproporzionati rispetto al rossore, che si manifesta come infiammazione neurogena più grave e recalcitrante alla terapia tradizionale. 

La gravità della malattia di NR in particolare può essere valutata dal QST, parte dei criteri diagnostici della NPF, raramente utilizzato nella diagnosi di rosacea.

Il sistema immunitario innato e la disregolazione neurovascolare svolgono un ruolo importante nella fisiopatologia della rosacea neurogena. 

L'espressione del TNF-α, un noto mediatore della degranulazione e della vasodilatazione dei mastociti, è sovraregolata nei pazienti con rosacea, promuovendo il rilascio di mediatori infiammatori come IL-6 e IL-8. L'infiammazione neurogena è mediata dal rilascio di neuropeptidi come la sostanza P e la proteina correlata al gene della calcitonina. Inoltre, l'aumento della sensibilità cutanea nei pazienti con rosacea è causato dall'infiammazione neurogena. 

 

Anche la sindrome della pelle sensibile è considerata un tipo di NPF. 

 

Rispetto ai controlli sani, i pazienti con rosacea avevano punteggi più alti di sensazioni soggettive di bruciore. Al contrario, le soglie di calore-dolore misurate dal QST erano significativamente diminuite, suggerendo una disfunzione neurovascolare della fibra C. Inoltre, la correlazione positiva tra le soglie di calore-dolore e la gravità clinica collega la rosacea allo spettro NPF. 

 

Si dice anche che la NPF sia associata a varianti del gene del canale del sodio voltaggio-dipendente. L'espressione anormale del canale del sodio Nav1.8 negli assoni dei nervi periferici contribuisce all'iperpatia della pelle. Per quanto riguarda la rosacea, l'espressione di Nav1.8 era significativamente sovraregolata nell'epidermide. Tali risultati possono rappresentare un potenziale bersaglio terapeutico. 

 

IENFD può essere misurata mediante prodotto proteico di immunocolorazione (PGP9.5); la riduzione delle fibre nervose PGP9.5 positive indica Aδ e le popolazioni di fibre C sono alterate. Uno studio patoeziologico ha rilevato che il numero di fibre immunoreattive nell'epidermide dei pazienti con rosacea è diminuito dopo la terapia laser, il che può servire come componente neurogena che contribuisce alla condizione di bruciore. Pertanto, ipotizziamo che le fibre nervose PGP9.5 positive possano diminuire nel complesso processo fisiopatologico della NR, che deve essere ulteriormente confermato da prove dirette in futuro.

 

Uno studio condotto in Francia ha rivelato che il prurito è uno dei sintomi più frequenti nei pazienti con NPF. I sintomi sensoriali della NPF sono spesso descritti come distribuzione dipendente dalla lunghezza ea calza; tuttavia, si verifica anche una distribuzione non dipendente dalla lunghezza, che spesso coinvolge aree correlate alla testa. 

 

Per coincidenza, una percentuale considerevole di pazienti con rosacea è accompagnata da sensazione di prurito facciale, che ha un impatto negativo sulla loro qualità di vita. Il caldo e lo stress, considerati i fattori più comuni che aggravano la rosacea, possono anche peggiorare il prurito nella NPF.

 

I pazienti con rosacea presentano frequentemente sintomi gastrointestinali. Un ampio studio di coorte della popolazione danese ha rivelato che la rosacea è significativamente associata a disturbi gastrointestinali, come la celiachia, la sindrome dell'intestino irritabile e la malattia infiammatoria intestinale; sebbene i meccanismi sottostanti specifici rimangano poco chiari. 

 

I pazienti con NPF sperimentano gastroparesi, diarrea, costipazione e pseudo-ostruzione intestinale a causa del coinvolgimento delle fibre C nel tratto gastrointestinale liscio. Pertanto, è ragionevole presumere che lo stesso processo patologico si verifichi nella rosacea. Inoltre, si osservano aritmie cardiache, fotofobia e altri sintomi di disautonomia, che richiedono maggiore attenzione.

 

La rosacea neurogena generalmente non risponde bene alla terapia tradizionale. Tuttavia, i farmaci usati per trattare la NPF, come i TCA, il pregabalin, il gabapentin e la duloxetina, sono efficaci nel trattamento della rosacea neurogena (16). Inoltre, i laser a colorante pulsato e la simpaticectomia toracica endoscopica sono stati utilizzati per controllare il rossore facciale.

 

In particolare, mancano studi caso-controllo che confrontino la IENFD nei pazienti con NR rispetto ai controlli sani, probabilmente perché solo una piccola percentuale di rosacea potrebbe essere NR e anche i pazienti tendono a rifiutare la biopsia cutanea invasiva dalla pelle del viso per ragioni estetiche. 

 

Pertanto, è necessaria una maggiore esplorazione clinica. IENFD varia con le regioni del corpo, suggerendo che i criteri NPF, come la biopsia cutanea dalla parte inferiore della gamba, non sono applicabili per la NR facciale. Tuttavia, NR e NPF hanno somiglianze nella patogenesi, manifestazioni, complicanze e strategie di trattamento (Tabella 1).

 

In conclusione, la rosacea neurogena potrebbe essere un particolare fenotipo di NPF che coinvolge la pelle del viso. Gli attuali criteri diagnostici di NPF sono tutt'altro che perfetti ed è necessaria maggiore attenzione per le manifestazioni facciali.

 

 

 

tab1.jpeg

Fonte: Front. Pain Res., 20 February 2023 Sec. Neuropathic Pain Volume 4 - 2023| https://doi.org/10.3389/fpain.2023.1122134

Mywebsite.com @ All Right Reserved 2022

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder