aipjg
senza nome
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
solofenice

infoainpf@gmail.com

[05/10/2022 21:44] Elenco studi scientifici che correlano Fibromialgia e NPF[02/05/2024 22:22] Chiarimenti riguardo la NPF e gli autoanticorpi HDS e FGFR-3[15/03/2024 20:14] Neuropatia delle piccole fibre nella dipendenza da alcol rilevata mediante biopsia cutanea[13/03/2024 22:19] Presentazione dei sintomi della POTS in base al fenotipo[12/03/2024 23:48] Manifestazioni gastrointestinali nei pazienti pediatrici con diagnosi di NPF[10/03/2024 22:44] Nuove raccomandazioni sull'uso delle ImmunoglobulineG per i disturbi neuromuscolari

facebook
youtube
instagram

Articolo di SCIENCE Luglio2023 - Gli studi sondano il collegamento delle iniezioni di COVID-19 a sintomi rari

12/07/2023 22:30

AINPF

disautonomia, NPF, POTS, disautonomia, npf, POTS, Covid-19, vaccini, spilli, bruciori,

Articolo di SCIENCE Luglio2023 - Gli studi sondano il collegamento delle iniezioni di COVID-19 a sintomi rari

Il raro legame tra i vaccini contro il coronavirus e la malattia simile a Long Covid inizia a ottenere l'accettazioneGli studi indagano casi insoliti

Il raro legame tra i vaccini contro il coronavirus e la malattia simile a Long Covid inizia a ottenere l'accettazione

Gli studi indagano casi insoliti di complicanze neurologiche, sbalzi di pressione sanguigna e altri effetti collaterali

 

Fonte: Science - Volume 381, Issue 6653Jul 2023 https://doi.org/10.1126/science.adj5607

 

I vaccini COVID-19 hanno salvato milioni di vite e il mondo si sta preparando per un nuovo ciclo di richiami. Ma come tutti i vaccini, quelli mirati al coronavirus possono causare effetti collaterali in alcune persone, inclusi rari casi di coagulazione del sangue anormale e infiammazione cardiaca.

Un'altra apparente complicazione, una serie debilitante di sintomi che assomiglia a Long Covid, è stata più sfuggente, il suo legame con la vaccinazione poco chiaro e le sue caratteristiche diagnostiche mal definite. Ma negli ultimi mesi, quello che alcuni chiamano Long Vax ha guadagnato una più ampia accettazione tra medici e scienziati, e alcuni ora stanno lavorando per comprendere e trattare meglio i suoi sintomi.

"Vedi uno o due pazienti e ti chiedi se sia una coincidenza", afferma Anne Louise Oaklander, neurologa e ricercatrice presso la Harvard Medical School. "Ma quando ne hai visti 10, 20", continua, interrompendosi. "Dove c'è fumo, c'è fuoco."

citazione-oaklander.png

I casi sembrano molto rari, molto meno comuni di Long Covid dopo l'infezione. I sintomi possono includere mal di testa persistente, grave affaticamento e frequenza cardiaca e pressione sanguigna anormali. Compaiono ore, giorni o settimane dopo la vaccinazione e sono difficili da studiare. Ma i ricercatori e i medici stanno trovando sempre più un certo allineamento con le condizioni mediche note. 

 

Uno è la neuropatia delle piccole fibre, una condizione studiata da Oaklander, in cui il danno ai nervi può causare sensazioni di formicolio o scosse elettriche, dolore bruciante e problemi di circolazione sanguigna. 

 

La seconda è una sindrome più nebulosa, con sintomi a volte innescati dalla neuropatia delle piccole fibre, chiamata sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS). Può comportare debolezza muscolare, oscillazioni della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna, affaticamento e annebbiamento del cervello.

 

I pazienti con sintomi post-vaccinazione possono avere caratteristiche di una o entrambe le condizioni, anche se non soddisfano i criteri per una diagnosi. Entrambi sono comuni anche nei pazienti con Long Covid, dove sono spesso attribuiti a una reazione eccessiva immunitaria.

 

Sebbene più ricercatori stiano ora prendendo sul serio Long Vax, i regolatori negli Stati Uniti e in Europa affermano di aver cercato, ma non hanno trovato, una connessione tra i vaccini COVID-19 e la neuropatia delle piccole fibre o POTS. "Non possiamo escludere casi rari", afferma Peter Marks, direttore del Centro per la valutazione e la ricerca biologica della Food and Drug Administration degli Stati Uniti, che sovrintende ai vaccini. "Se un fornitore ha qualcuno di fronte a sé, potrebbe voler prendere sul serio il concetto [di] un effetto collaterale del vaccino", afferma. Ma Marks si preoccupa anche del "titolo sensazionale" che potrebbe fuorviare il pubblico, e sottolinea che i benefici del vaccino superano di gran lunga qualsiasi rischio.

 

Nonostante le incertezze, il ministro della Salute tedesco Karl Lauterbach ha riconosciuto a marzo che, sebbene rari, i sintomi simili a Long Covid dopo la vaccinazione sono un fenomeno reale. Ha detto che il suo ministero sta lavorando per organizzare finanziamenti per gli studi, anche se nessuno è stato annunciato finora.

 

I ricercatori che studiano queste complicazioni si preoccupano anche di minare la fiducia nei vaccini COVID-19. Harlan Krumholz, un cardiologo dell'Università di Yale, afferma che la preoccupazione che il movimento antivaccino si sarebbe impadronito di qualsiasi risultato della ricerca lo ha inizialmente esitato a tuffarsi. Ma circa un anno fa lui e l'immunologo di Yale Akiko Iwasaki hanno iniziato ad accogliere i pazienti post-vaccinazione in un nuovo studio chiamato ASCOLTA che comprende anche i pazienti Long Covid. 

Tra le altre cose, mira a correlare i sintomi con i pattern delle cellule immunitarie nei campioni di sangue.

"Sono convinto che stia succedendo qualcosa" con questi effetti collaterali, dice Krumholz. "È mio obbligo, se sono veramente uno scienziato, avere una mente aperta e imparare se c'è qualcosa che può essere fatto."

 

SCIENCE FIRST ha scritto di questi problemi di salute nel gennaio 2022, descrivendo gli sforzi degli scienziati del National Institutes of Health per studiare e curare le persone affette. Uno studio che includeva 23 persone è stato pubblicato come prestampa nel maggio 2022 ma mai pubblicato. Dopo la storia di Science, quasi 200 persone hanno contattato la rivista condividendo i loro sintomi post-vaccinazione.

Da allora la ricerca è andata avanti lentamente. Questo è "un risultato difficile da monitorare", ha detto Tom Shimabukuro dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie a un comitato consultivo del governo a gennaio. Tuttavia, si sono accumulati più di due dozzine di casi di studio che descrivono POTS o neuropatia delle piccole fibre a seguito di un'iniezione di COVID-19, indipendentemente dal produttore del vaccino.

 

Nel 2021, Sujana Reddy, ora medico residente di medicina interna presso l'East Alabama Health, ha pubblicato un caso di studio di POTS postvaccino in un uomo di 42 anni. Ha poi ascoltato più di 250 persone che descrivono problemi di salute simili. Reddy ha avviato uno studio che documenta i casi di POTS, non ancora pubblicato, che ora include 55 persone che hanno sviluppato sintomi da 1 a 2 settimane dopo la vaccinazione.

 

Un altro team ha scansionato gli acro POTS post-vaccino è una popolazione specifica. I ricercatori guidati dai cardiologi Alan Kwan e Susan Cheng del Cedars-Sinai Medical Center hanno analizzato un database sanitario di quasi 285.000 persone nell'area di Los Angeles; tutti avevano ricevuto almeno un'iniezione di COVID-19. Hanno scoperto che entro 90 giorni dall'iniezione, il tasso di sintomi correlati alla POTS era superiore di circa il 33% rispetto ai 3 mesi precedenti; A 2581 persone sono stati diagnosticati sintomi correlati alla POTS dopo la vaccinazione, rispetto al 1945 precedente. Tuttavia, lo studio ha riscontrato un effetto maggiore del COVID-19 stesso: il tasso di sintomi POTS in circa 12.000 persone non vaccinate dopo l'infezione era del 52% superiore rispetto a prima. Anche se Kwan mette in guardia contro l'estrapolazione di questi numeri a una popolazione più ampia, afferma che lo schema è intrigante. "I nostri dati mostrano un segnale relativamente chiaro che probabilmente c'è un aumento della POTS dopo la vaccinazione e dopo l'infezione", dice.

 

Altri trovano lo studio avvincente. "Anche l'anno scorso ero un po' cauto" riguardo al legame tra POTS e vaccinazione, dice Tae Chung, un fisiatra neuromuscolare che gestisce la clinica POTS alla Johns Hopkins University. "Non avevo dati quantitativi per sostenerlo, ma ora mi sento come se lI avessi." Tuttavia, Chung sottolinea che questo documento e altri dati suggeriscono anche che i vaccini COVID-19 proteggono dalla POTS e da altri sintomi di Long Covid, e rimane un forte sostenitore della vaccinazione.

 

UNA REAZIONE IMMUNITARIA alla proteina spike SARS-CoV-2, che i vaccini COVID-19 utilizzano per indurre anticorpi protettivi, è una possibile causa di questi sintomi. Una teoria è che dopo la vaccinazione alcune persone generino un altro ciclo di anticorpi che prendono di mira il primo. Quegli anticorpi potrebbero funzionare in qualche modo come lo spike stesso: Spike prende di mira una proteina della superficie cellulare chiamata recettore dell'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2), consentendo al virus di entrare nelle cellule. Gli anticorpi canaglia potrebbero anche legarsi all'ACE2, che aiuta a regolare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, afferma Bernhard Schieffer, cardiologo dell'Università di Marburg. Se quegli anticorpi interrompono la segnalazione ACE2, ciò potrebbe causare la frequenza cardiaca accelerata e le oscillazioni della pressione sanguigna osservate nei POTS.

 

I neuroni delle piccole fibre hanno anche il recettore ACE2 sulla loro superficie, quindi in teoria gli anticorpi canaglia potrebbero contribuire alla neuropatia. Ma Matthew Schelke, un neurologo della Columbia University che ha curato la neuropatia delle piccole fibre sia nei pazienti Long Covid che postvaccino, afferma che stabilire una connessione non sarà facile. Anche quando anticorpi insoliti si presentano nel sangue di qualcuno, "è estremamente difficile sapere se qualcuno di questi è patogeno o se sono solo astanti", dice. Altri componenti del sistema immunitario che alimentano l'infiammazione possono anche danneggiare i nervi, osserva.

 

Alcune persone sembrano suscettibili a complicazioni sia dopo l'infezione che dopo la vaccinazione, una doppia vulnerabilità che può metterle in una situazione angosciante: evitare più dosi di vaccino, spesso su consiglio dei loro medici, ma anche temendo i pericoli del Long Covid. Reddy rientra in questa categoria. Ha contratto il virus all'inizio del 2020 mentre si prendeva cura di un paziente infetto e ha sviluppato Long Covid, inclusa POTS. I suoi sintomi sono drammaticamente peggiorati dopo la sua prima dose di vaccino.

Un medico di medicina d'urgenza a New York City, Saleena Subaiya, ha sperimentato lo stesso fenomeno al contrario. Entro 24 ore dalla seconda dose del vaccino COVID-19 nel gennaio 2021, hanno sviluppato un grave deterioramento cognitivo, affaticamento e perdita di equilibrio. Subaiya migliorò leggermente nel corso dell'anno successivo, ma fu costretta a passare a un lavoro di ricerca part-time. Poi, nel dicembre 2021, sono stati colpiti da Omicron e hanno avuto una ricaduta.

 

La malattia post-vaccinazione è "una malattia lunga e implacabile", afferma Lawrence Purpura, uno specialista in malattie infettive della Columbia University, che è anche partner di Subaiya, e che cura sia i pazienti con Covid lungo che quelli con sintomi cronici dopo la vaccinazione.

 

Una DIAGNOSI DI POTS o neuropatia delle piccole fibre dopo la vaccinazione può guidare il trattamento. 

In POTS, i medici si concentrano sull'aumento dell'assunzione di sale e liquidi per aumentare il volume del sangue e mantenere la pressione sanguigna. Anche i beta-bloccanti, che rallentano i battiti cardiaci, possono aiutare.

La neuropatia delle piccole fibre viene trattata con vari farmaci per gestire i sintomi e, per i casi più gravi, a volte l'immunoglobulina endovenosa (IVIG), una miscela di anticorpi costosa e di difficile accesso che può reprimere le reazioni immunitarie eccessive. Alcuni studi di casi riportano che l'IVIG ha aiutato le persone con neuropatia delle piccole fibre dopo il vaccino, almeno temporaneamente.

 

Un approccio più radicale è lo scambio plasmatico, che a volte viene utilizzato per le malattie autoimmuni. Qui il plasma del paziente, la parte liquida del sangue contenente anticorpi e proteine, viene separato dalle cellule del sangue e scartato. Le cellule del sangue vengono quindi restituite al paziente insieme a un liquido sostitutivo.

Lo scambio di plasma ha aiutato un uomo che ha sviluppato la neuropatia delle piccole fibre dopo la sua seconda dose di un vaccino COVID-19, Schelke e colleghi hanno riferito nell'ottobre 2022 in Muscle & Nerve. “Ha risposto molto bene”, con mesi di miglioramento, Sdice chelke, ma recentemente è tornato con un peggioramento dei sintomi.

 

Schieffer, nel frattempo, ha sviluppato un regime di trattamento sperimentale che, secondo lui, ha mostrato risultati promettenti in uno studio non pubblicato su otto Long Covid e otto pazienti post-vaccini. Include le statine, che possono attenuare l'infiammazione nel sistema circolatorio; e bloccanti del recettore di tipo 1 dell'angiotensina II, che possono aiutare a bloccare l'attivazione della via ACE2 che può essere disregolata nei pazienti. Schieffer e colleghi sperano di avviare una sperimentazione clinica delle terapie con 500 persone che presentano sintomi di Long Covid o postvaccino.

 

I sostenitori dei pazienti stanno cercando di stimolare nuovi studi. Nei prossimi mesi, l'organizzazione no profit REACT19 prevede di distribuire piccole sovvenzioni, dell'ordine di decine di migliaia di dollari, a team che studiano immunologia, biomarcatori e altre caratteristiche della malattia post-vaccino.

 

Anche un supporto modesto è importante, afferma Krumholz, perché "spetta a noi produrre dati preliminari" per conquistare i finanziatori con tasche profonde. Il progetto LISTEN suo e di Iwasaki ha ora circa 2000 partecipanti, circa 1000 con Long Covid e 750 con sintomi post-vaccinazione, dice. (LISTEN include anche controlli sani.) Spera di iniziare a pubblicare i risultati entro la fine dell'estate.

Mentre i paesi elaborano piani per un ciclo di vaccini aggiornati, alcuni scienziati teorizzano, in modo rassicurante, che le persone il cui sistema immunitario ha accettato un'iniezione precedente senza incidenti sarebbe altamente improbabile che sperimentino disfunzioni immunitarie a seguito di un richiamo. Ma questo non cambia l'urgente necessità di aiutare coloro che soffrono ora, dice Reddy. “Dobbiamo capire perché sta accadendo a questo sottogruppo di persone. Perché sta succedendo a loro e non a tutti gli altri?

Mywebsite.com @ All Right Reserved 2022

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder